Blog di Mazzano Romano. Fai sentire la tua voce!

Se vuoi scrivere news, notizie, eventi, foto, video, contattaci

SVILUPPO, AMBIENTE, OCCUPAZIONE


Domenica scorsa è apparso un manifesto, con lo stesso titolo del presente articolo, senza indicazione di qualsivoglia paternità o di un riferimento soggettivo o oggettivo, del quale, anche a beneficio dei lettori del blog a cui sia sfuggito, voglio dare conto.
Il testo integrale è riportato in virgolettato e corsivo.

“PARTECIPAZIONE è questo il tema attorno a cui si è costituito qualche tempo fa un gruppo di cittadini con la voglia di impegnarsi a costruire un’alternativa sociale forte e credibile sul territorio, a costruire un paese migliore. L’idea è nata dalla volontà di svincolarsi dalle logiche del passato dando pari opportunità a chi si vuole impegnare a migliorare il paese coinvolgendo quelle donne e quegli uomini che possano portare il proprio contributo, la propria esperienza le proprie idee senza condizionamenti e senza prevenzioni, convinti che sia necessario che la gente partecipi alla vita politica e alla cosa pubblica.
Contrariamente al solito, il progetto è nato dal basso, da singole persone che hanno deciso di mettere insieme idee ed iniziative adottando il principio della DEMOCRAZIA PARTECIPATA, del cambiamento radicale del modo di far politica: invece di cercare la gente soltanto poco prima del voto o addirittura solo al momento del voto, è necessario coinvolgerla prima, al momento della redazione del progetto. Abbiamo già iniziato con i questionari sulle problematiche e sulle aspettative della popolazione mazzanese i cui risultati verranno presentati a breve, proseguiremo con altre iniziative sempre rivolte al nostro territorio. E’ stato scelto un nome semplice ma che racchiude nella sua forza ed essenzialità, l’impegno che il gruppo prende a favore del paese; non promettiamo l’impossibile e non vogliamo fare proclami, vogliamo solo agire PER MAZZANO!”

Che dire! Chi ha seguito e segue questo Blog potrebbe sospettare (come anch’io sospetto) che sia i temi del titolo (basta vedere l’intensa discussione che si è sviluppata sul Centro Benessere) che l’invito alla partecipazione sono stati e sono ricorrenti nella nostra piazzetta virtuale; qualche volta ho anche temuto di essere persino pedante, tanto sono convinto che la vita sociale e politica vada seguita, compresa, interpretata e guidata con correttivi pubblici (all’occorrenza).

Detto questo però (e fermo restando che provo piacere nel constatare il risveglio di qualche coscienza) voglio chiosare che, stando all’intento dell’autore/i, risulta quanto meno intempestivo “questo nuovo modo di fare politica” perché, come tutti ben sappiamo, le elezioni comunali (a queste, sebbene manchi un espresso riferimento, è sotteso il c.d. progetto) ci saranno tra poco meno di un anno: il che vuol dire che si sta cercando la gente poco prima del voto, ergo, se fosse vero l’assioma, esattamente come prima.

Mi vengono però spontanee alcune domande: possibile che questi ragazzi (penso che siano ragazzi) non trovino nei gruppi politici presenti sul territorio (non importa, ai fini di questo discorso, se di destra o di sinistra) una collocazione, presentandosi con una dichiarazione di intenti così limpida e coinvolgente? Ci spiegheranno, all’occorrenza, che cosa li muove a distinguersi e le vere novità?

Nell’attesa di conoscere le “altre iniziative” e i questionari, vediamo quanti sono quelli che concordano sulle seguenti priorità e tematiche da sottoporre ad un prossimo candidato Sindaco:

1) Fotografie aeree dell’intero territorio per congelare la situazione degli abusi (di ogni genere a cominciare ovviamente da quelli edilizi);
2) Confronto delle predette fotografie con il catasto, con le licenze edilizie, con le licenze in sanatoria e con altri documenti amministrativi;
3) Denuncia all’Autorità giudiziaria di tutti gli abusi a suo tempo non denunciati;
4) Accertamento di tutti gli scarichi fognari nelle case fuori dal Centro abitato e obbligo di messa a norma di tutti quelli irregolari;
5) Verifica a tappeto di tutti i ruoli comunali;
6) Reintegra al Comune di tutti i terreni che non hanno formato oggetto di affrancazione o legittimazione e che, per oggettive condizioni non sono suscettibili di miglioria;
7) Verifica della pianta organica e copertura dei posti vacanti, previa verifica dei carichi di lavoro, ecc. ecc.

Si possono aggiungere a iosa gli argomenti, ma so bene, naturalmente, che trattandosi di materie impopolari non le sottoscriverebbe nessuno tranne un probabile bugiardo che però potrebbe non trovare allegro perdere le elezioni prima di farle.

10 commenti a “SVILUPPO, AMBIENTE, OCCUPAZIONE”

Puoi lasciare un commento, sottoscrivere il feed RSS o inviare un trackback.

  1. Daniele Neri il 19 giu 2008 alle 08:03 ha detto:

    Buongiorno a tutti, i moti “carbonari” dell’800 riemergono in quel di MAZZANO……!!!!! E’ evidente il disagio della politica….ormai degenerata nell’affarismo +bieco……!!!!! Il bene comune è millantato da molti ma praticato da pochi….. Che dire del manifesto, sembrerebbe sottolineare lo stato di malessere ed il timore che le proprie idee possano generare ritorsioni verso gli estensori…..(sembra di essere in Sicilia)……
    GOVERNARE ed AMMINISTRARE per il bene comune significa colpire interessi di pochi con tutte le conseguenze del caso…..
    PEPPE elenca una serie di punti circa l’abusivismo….voglio solo semplificare il problema… I Mazzanesi sono consepevoli di quanti soldi deve riscuotere il Comune per tutte le pratiche di condono presentate negli anni e per le quali nessuno si degna di invitare gli abusivi a ritirare la relativa Concessione in Sanatoria previo versamento degli Oneri Concessori ?
    Vista l’importanza del prossimo consiglio Comunale inviterei i cittadini a partecipare…. !!!!!!!!!!!!!!
    DANIELE

  2. marco rossi il 19 giu 2008 alle 16:57 ha detto:

    Buongiorno,

    Caro Giuseppe, ( forse può nascere una amicizia),
    la forma di governo parlamentare della Repubblica Italiana prevede che il governo debba godere della fiducia del Parlamento, e solo dopo questa verifica, il Presidente della Repubblica può nominarlo. Non è che nomina chi gli pare. Quindi ritornando a monte, quel 57% alla Camera e al Senato ha detto che il capo del governo deve essere Berlusconi.
    Il Parlamento legifera e TUTTI devono osservare le leggi.
    Ogni organismo, per competenza, deve APPLICARLE e NON INTERPRETARLE A SECONDO DEGLI INTERESSI DELLA PROPRIA PARTE.
    Dal 1994 ad oggi le aziende di Berlusconi hanno avuto 356 indagini da parte della Procura di Milano, e molti rinvii a giudizio, e vari processi; se avessero fatto le stesse cose al di sopra delle parti, prima che scoppiassero i casi di Parmalat, Coop, Bond argentini, Telecom, Cagnotti, Fiorani, Ricucci, Coppola, e molti altri, tanti italiani sarebbero stati tutelati molto meglio; non ti pare ? Controlla quanti magistrati e giudici negli anni sono e sono stati eletti nella Sinistra, ed anche i Sindacalisti. Dell’ex giudice radiato non dice niente?
    L’ultimo governo Prodi è’ stato il primo governo della storia repubblicana a vedere la partecipazione diretta del Partito della Rifondazione Comunista e del Partito dei Radicali italiani, divenendo così l’unico governo sostenuto dall’intera sinistra parlamentare (cosa che non accadeva più dal 1947, Governo De Gasperi III).
    Durante i 20 mesi del suo Governo sono stati stipulati contratti pluridecennali per il gas russo e algerino. Il ministro Bersani ha introdotto alcune liberalizzazioni: non si pagano più le ricariche telefoniche, ci sono nuove norme per i mutui bancari e per il rimborso assicurativo dei danni derivanti da un incidente automobilistico. La finanziaria 2007 ha rimodulato le aliquote fiscali, favorendo i redditi più bassi e penalizzando quelli più alti. Nel 2008 il Governo ha ridotto l’Ici per la prima casa ed ha introdotto uno sgravio sugli affitti per i redditi più bassi. Aumentate le pensioni per oltre 3 milioni di pensionati poveri. Abolito lo scalone introdotto da Maroni. Sulla giustizia il Governo Prodi ha modificato radicalmente la riforma approvata dal precedente Governo Berlusconi. Nel 2006, come richiesto da Papa Woytjla in Parlamento, fu approvato l’indulto. Nessuna novità sul piano dei diritti civili. I Dico sono rimasti solo sulla carta. Le leggi su aborto e fecondazione assistita sono immutate. Non è stata varato alcun provvedimento sul testamento biologico. Rimane irrisolto il problema dei rifiuti in Campania, una vergogna italiana che si trascina da molti anni. E la sua stessa maggioranza lo ha mandato via. Rata mutuo ritorna al 2006, straordinari non tassati (privati e speriamo anche pubblici), riduzione prezzo benzina (speriamo consistente), no ici, diciamo 300/400 € mese? Stipendio 1.200 € diviso 3 settimane = 400€., dovremo esserci. Lasciamoli lavorare.
    La dittatura è una forma autoritaria di governo in cui il potere è accentrato in un solo organo, se non addirittura nelle mani del solo dittatore, non limitato da leggi, costituzioni, o altri fattori politici e sociali interni allo Stato.
    Come al solito hai esagerato.

  3. marco rossi il 19 giu 2008 alle 17:12 ha detto:

    Vediamo come và a finire.
    Che dici?

    E’ stato sospeso il processo a carico di Danilo Coppola(nella foto). La II sezione del Tribuale, presieduta da Carmelo Rinaudo, ha accolto la richiesta di ‘legittima suspicione’ nei confronti del collegio, presentata da uno degli altri sei imputati, Andrea Raccis, uno dei collaboratori di Coppola. Gli atti sono stati inviati alla Corte di Cassazione che dovrà decidere sull’eventuale spostamento del dibattimento in un’altra sede.

    Il Tribunale, contestualmente all’invio degli atti, ha sospeso i termini di prescrizione e di custodia, concedendo ad Andrea Raccis la revoca dell’ordine di custodia cautelare. Con l’istanza di rimissione ad altra sede per legittimo sospetto Raccis tramite il suo difensore Marco Natale aveva presentato una serie di rilievi sulla “mancata serenità necessaria in aula per esaminare la delicata questione”.

    Il processo è iniziato il 3 dicembre scorso per il fallimento della società Micop del dicembre 2006. La bancarotta fraudolenta è stata contestata, oltre che a Coppola, alla commercialista Daniela Candeloro, al cognato dell’immobiliarista Luca Necci e ad Andrea Raccis. Gli altri imputati per bancarotta documentale sono, oltre a Coppola, il suo collaboratore Francesco Bellocchi (ex cognato di Stefano Ricucci), l’addetto alla contabilità del gruppo, Alfonso Ciccaglione e l’avvocato Paolo Colosimo.

    Dal primo marzo dell’anno scorso Coppola è agli arresti domiciliari. Sarebbe tornato libero il 7 luglio prossimo, ma adesso dovrà aspettare la decisione della Cassazione sulla eventuale sospensione del processo. Soltanto dopo questa data, i termini della custodia cautelare ricominceranno a decorrere.

  4. Daniele Neri il 19 giu 2008 alle 20:36 ha detto:

    Noto che il sig. ROSSI è molto informato sulle disgrazie del povero COPPOLA …. Conosci anche gli altri ??? Ricucci, Statuto etc…….
    Vedi prima che qualcuno parli di questi soggetti, tali sono, dovrebbe averli conosciuti direttamente… Sappi, che costoro non sono altro che dei terminali di gruppi economici-finanziari molto variegati. Sono, di fatto, delle teste utilizzate per spolpare le istituzioni pubbliche e le banche. Vedi , caro Rossi, per colpa di Ricucci, 7 miei colleghi di banca hanno perso il posto di lavoro e dammi retta queste persone è meglio dimenticarle. Mio malgrado le ho conosciute tutte, e posso assicurarti che già nel 2000 avevo preconizzato, per loro, una brutta fine…..!!!!
    Per quanto attiene IL BERLUSCA aspettiamo i fatti , poi potremo esprimere un giudizio, forse già a settembre……
    Ciao a tutti
    Peccato che sabato non potrò essere in Mazzano per la festa del PD….
    alla prossima
    DANIELE

  5. marco rossi il 20 giu 2008 alle 11:16 ha detto:

    Buongiorno,

    se leggere i quotidiani e ascoltare i tg, significa conoscere personalmente delle persone, mi auguro che Lei, sapendo chi è Riina, non lo conosca anche personalmente.
    Conoscendo, come dice, i fatti di questi furbetti già dal 2000, perché non ha denunciato alla magistratura i futuri misfatti? I 7 colleghi hanno fatto gli interessi della banca o dei furbetti? Non mi dica che le banche, muovendo tutti quei soldi, era così sprovvedute da non informarsi sui furbetti! Quando noi chiediamo un prestito, si informano anche di quante volte andiamo la bagno.
    Non faccia retorica, un saluto

  6. marco rossi il 20 giu 2008 alle 11:17 ha detto:

    Buongiorno,

    come si combina questo festeggiamento ?
    Festeggiare le sconfitte politiche non si era visto da nessuna parte.
    Forse era meglio affrontare, politicamente, le necessità mazzanesi legate alle collaborazioni Regionali e Provinciali.
    Capisco che un bel panino con la porchetta e un buon bicchiere di vino possono far dire: ma infin dei conti a noi…….!!

  7. Daniele Neri il 20 giu 2008 alle 15:01 ha detto:

    Caro Marco, non penso di essere un’eroe ma nel mio piccolo ho sempre allontanato le tentazioni di soldi e potere facili…. Quando anch’io mi sono trovato a difendermi dalla Mafia dei colletti bianchi, ho usato tutti gli strumenti che questo benedetto Paese mi metteva a disposizione…. Posso pensare che, chi è stato coinvolto in episodi tanto gravi da incorrere nel licenziamento, si è trovato in mezzo ad una guerra tra bande, REPORT ha fatto un servizio ad hoc intervistando uno dei protagonisti da me conosciuto……..Spesso in banca, non nel Bronx, qualcuno ti sussurrava nell’orecchio, che avevi famiglia, una carriera etccc…… CAPITO come funzionava e funziona ancora…….!!!!!! Non so quali sono state le tue esperienze lavorative ma riportare, copiando, articoli di giornale mi sembra un pò superficiale….!!!!!! Cerchiamo tutti di riflettere su quanto accade intorno a noi senza pregiudizio e con la mente aperta al nuovo ed ai cambiamenti che la società vive giorno x giorno…
    Buona giornata
    DANIELE.

  8. rsm il 20 giu 2008 alle 16:15 ha detto:

    Un gran bel manifesto evidentemente non sono il solo a credere di rinnovare un tantino le solite alternative politiche di Mazzano aldilà della destra e sinistra ;ovvio che le problematiche che presenta Peppe sono molto importanti,ma prima di sottoporle a un ipotetico o inesistente candidato sindaco bisognerebbe proporle al Sindaco attuale dato che mancano ancora 12 mesi circa alle votazioni .

    un bel saluto a tutti

  9. Giuseppe De Santis il 20 giu 2008 alle 16:25 ha detto:

    A Marco: Questa festa non si combina con niente, è soltanto la voglia di trovarsi insieme tra persone che vogliono essere insieme, per un panino, un bicchiere di vino e magari qualche chicchierata su temi politici. Non capisco veramente il tuo gratuito sarcasmo: quando si fa la festa del Patrono, ha vinto qualcosa il Patrono? Prova a venirci in piazza, magari per spiegare quale è il contenuto e la finalità del tema di confronto che proponi.

    A Roberto. Guarda Roberto che questo Sindaco non sarà candidato alle prossime elezioni, e quindi ormai non ce ne importa granché delle sue idee o proposte. Ci importerebbe di più se ci proponesse un programma minimo (concreto) di 10 punto da qui alla prossima primavera.
    Saluti.

  10. Giuseppe De Santis il 20 giu 2008 alle 16:28 ha detto:

    Scusa Marco, non è per pedanteria, ma debbo fare alcune precisazioni, un conto sono le norme scritte e un conto le opinioni.
    Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questi, i ministri. Solo dopo questo passaggio il Governo si presenta alle Camere per ottenerne la fiducia. La fase precedente alla nomina (il rito si chiama ancora “consultazioni”) non fa parte della costituzione scritta ma è entrata nella c.d. “prassi costituzionale”. Quindi, non è che (e io non l’ho detto) il Presidente nomina chi gli pare: la sua scelta ponderata invece deriva dalle indicazioni che vengono dai vari gruppi parlamentari. Questa prassi continua ad esistere sebbene, con la riforma in senso maggioritario, la scelta del premier è già scritta nei risultati elettorali.

    E veniamo alle opinioni. La seconda parte del tuo commento è perfetta! Le leggi debbono essere osservate: l’anomalia interviene quando, mentre si sta cercando di far rispettare le leggi da parte dell’Organo preposto, qualcuno se le cambia a proprio vantaggio (comprese le norme processuali che sono poi quelle del gioco).
    Tutto qui. E bada bene, Marco, che io personalmente non sono paladino di nessuno, rosso, nero o bianco, che sia, le indagini e i processi vanno fatti a 360 gradi, l’azione penale è obbligatoria, eccetera eccetera. Ma pensa quanta attività processuale è andata sprecata con l’approvazione di leggi salva questo o salva quello: mi sembra che hai buona memoria e quindi prova a fare un tuffo nel passato recente (legislatura 2001/2006): 5 anni sprecati a mettere a posto le questioni penali del Capo e di qualche amico del Capo, senza che sia stata cambiata una sola norma processuale per far funzionare meglio la giustizia: se solo fosse stato cambiato il sistema delle notifiche degli atti giudiziari (vai a vedere le interminabili code davanti agli sportelli degli Ufficiali giudiziari) e quelle dei depositi (vai a vedere la ressa davanti alle cancellerie civili) ci sarebbe stato un boom di vantaggi per il cittadino comune e invece, avanti con il legittimo sospetto, con ricusazioni, con artifici di vario genere per sfuggire ai processi, avanti con la depenalizzazione o banalizzazione del falso in bilancio e dei reati finanziari (è di queste ore quello che succede in America: 70 persone in gabbia per le truffe dei mutui subprime).
    Se soltanto avesse mantenuto l’impegno preso davanti all’elegante scrivania di ciliegio nello studio di Vespa, avrebbe dovuto semplicemente ritirarsi a vita privata; se soltanto ce lo fossimo ricordato noi, avremmo dovuto dargli l’ostracismo, e invece eccolo qua.
    Tu elenchi un bel numero di cose che ha fatto il Governo Prodi nella sua breve vita: ecco, prova a pensare che cosa sarebbe l’Italia oggi se il precedente governo Berlusconi nei cinque anni in cui ha avuto la stessa maggioranza bulgara, avesse fatto qualcosa di simile sul piano delle liberalizzazioni, della concorrenza, della lotta all’evasione fiscale. Invece sono stati salvati bancarottieri e falsificatori di bilanci, evasori totali, abusi edilizi anche in zone delicate del nostro territorio.
    All’inizio di questa legislatura, su questo Blog, sollecitato forse proprio da te, io ho espresso l’auspicio che finalmente questo governo facesse qualcosa di buono. Restiamo in speranzosa attesa, ma con i piedi per terra. Tu dici “lasciamoli lavorare” e io ti rispondo “niente ormai dipende da noi”.
    Tu hai azzardato dei conti, ripassali Marco, magari tra qualche giorno.
    Sull’ultima parte del tuo commento, beh può darsi che io esageri, ma siccome mi sembra che tu sia diventato un po’ più riflessivo, ecco… prova a riflettere sulle distorsioni di una democrazia quando accadono le cose che stanno accadendo. Una dittatura moderna, caro Marco, sarebbe esattamente come quella che stiamo vivendo. Non ti piace il nome? Bene, allora guardiamo alla sostanza.
    Essere in democrazia non preserva in sé da nefandezze piccole e grandi e non basta neanche a evitare che l’arroganza di uno vinca sull’interesse generale. Non serve nemmeno più il manganello (a parte le manifestazioni di piazza, magari un’altra Genova) perché sono stati trovati mezzi più edulcorati per tenere buona la gente.
    Hai però ragione, non si tratta di dittatura, ma di regime democratico (contraddizione in termini). Credo però che me ne darai atto quando, tra non molto, sarà approvato il c.d. lodo Schifani: quando avremo ancora una volta la conferma (non dimentichiamoci che è già successo) che qualcuno, come nella “Fattoria degli animali” di Orwell, è più uguale degli altri.
    Ciao.

Scrivi un commento





ayam


Elisabetta Guido in concerto a Napoli, esposizione fotografica e duo con il pianista Jazz Danilo Tarso

Giovedi 27 novembre, alle ore 22,00 presso il "New Around Midnight Jazz Club" di Napoli si terrà un concerto di presentazione..

Galatina

A Cetona La Guerra dentro di Barbara Schiavulli

Non solo gli “addetti ai lavori” hanno il privilegio di conoscere le persone che stanno dietro “le notizie” , i “reportage”, le “foto” o i “video” diffusi dai giornali o telegiornali..

Cetona

Irisbus, pari dignità per gli operai. Differenze di salario tra irpini e romagnoli: si rischia lo scontro

Dal Quotidiano Irisbus, pari dignità per gli operai L’Irisbus adesso imbocca la curva più delicata: l’analisi nel dettaglio del piano industriale con le valutazioni sul contratto di lavoro e..

Flumeri

LA Bella del PDR, partito di Renzi.

di Celeste INGRAO Una cosa sola voglio dire in risposta alle cretinate di Alessandra Moretti. Non siamo mai state austere e rigide e non abbiamo mai pensato di doverci mortificare. Siamo..

Campodarsego

Barcellona P.G., I cittadini richiedono l'intervento urgente, per la pulizia dell'alveo del torrente Longano

Nebrodi Web Tv, la Tv della Provincia di Messina Arte, Cultura e Turismo Nebrodi Web Tv Approfondimenti di Attualità: emanuelcosentino.blogspot.com Notizie da:..

Barcellona Pozzo di Gotto

Licenza - Fondo per la nascita e lo sviluppo di Start-up innovative (art. 6 L.R. 13/2013)

Fondo per la nascita e lo sviluppo di Start-up innovative (art. 6 L.R. 13/2013) Con la determinazione n. G15618 del 5..

Licenza

Murlo: Attenzione emergenza topi !!

Abbiamo trovato su un  social network, questo appello di una cittadina di Casciano di Murlo  che ci è sembrato utile pubblicare per informare  tutti i cittadini di Murlo.

Murlo

LEGGE AMMAZZA SUOLO - APPELLO AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E AI CONSIGLIERI REGIONALI LOMBARD

Signor Presidente, signore e signori componenti dell'Assemblea legislativa lombarda,nelle prossime ore dovrete esprimervi sul progetto di legge..

Albairate

Il nuovo supermercato Lando non s'ha da fare!

La questione della costruzione del nuovo ipermercato Lando a Peraga di Vigonza non è ancora finita in casa del Movimento 5..

Vigonza
Previsioni meteo per la tua città

Commenti recenti

I più commentati della settimana

  • None found

Prossimi eventi in città

Locali di Mazzano Romano